Raffaele Gigantino nuovo Country Manager di VMware per l’Italia

Pubblicato il 19/07/2018 by vmwareitaly
NOTA BENE: questo articolo è più vecchio di un anno e potrebbe non essere aggiornato con gli eventi recenti o le nuove informazioni disponibili.

Alberto Bullani, ex Country Manager di VMware Italia, promosso a Senior Director, vSAN e HCI, VMware SEMEA

VMware annuncia la nomina di Raffaele Gigantino a Country Manager per l’Italia. In questo ruolo, Gigantino continuerà a supportare la crescita delle attività italiane di VMware aiutando le imprese e le organizzazioni governative del Paese ad abbracciare e accelerare la propria trasformazione digitale. Gigantino riporterà direttamente a Henri van der Vaeren, vice president VMware SEMEA.

Raffaele Gigantino porta con sé oltre 15 anni di esperienza in numerose aziende IT di successo. Prima di approdare in VMware, è stato Director Solution Sales per Data e Artificial Intelligence – Cloud & Enterprise per l’area Western Europe in Microsoft, gestendo un team di oltre 100 professionisti. Precedentemente, sempre in Microsoft, ha ricoperto il ruolo di Direttore Vendite per la Pubblica Amministrazione Centrale.

“Raffaele Gigantino arriva in VMware in una fase entusiasmante per la crescita dell’azienda in Italia, uno dei Paesi con le migliori prestazioni nell’area SEMEA,” ha affermato Henri van der Vaeren, vice president VMware SEMEA. “La vasta esperienza di Raffaele in ambito software ci aiuterà a portare il business di VMware al livello successivo.”

“Sono entusiasta di accettare la sfida di far crescere ulteriormente VMware in Italia”, ha commentato Raffaele Gigantino. “La nostra priorità sarà aiutare i clienti ad accelerare la trasformazione digitale, guidando la crescita facendo leva sull’intero portafoglio di soluzioni innovative di VMware e attraverso l’ampio ecosistema di partner e alleanze”.

VMware ha anche annunciato che Alberto Bullani, ex country manager di VMware Italia, è stato promosso a Senior Director VMware vSAN e HCI per la Regione SEMEA. In questo ruolo Bullani è responsabile della strategia per promuovere ulteriormente la crescita e l’adozione della linea di prodotti vSAN / HCI, uno dei segmenti di business in più rapida crescita all’interno di VMware.

“Desidero ringraziare Alberto per la dedizione e l’impegno per la crescita del business in Italia negli ultimi 15 anni. Sono certo che porterà anche nel suo nuovo ruolo l’esperienza e le doti di leadership che gli hanno permesso di raggiungere gli eccezionali risultati che l’Italia ha ottenuto durante il suo mandato”, ha dichiarato Henri van der Vaeren.

“Sono felice di affrontare questa nuova sfida e non vedo l’ora di portare a un nuovo livello uno dei business a più rapida crescita di VMware”, ha affermato Alberto Bullani.


Categoria: News & Highlights

Tag: , , ,

Articoli correlati

Pubblicato il 08/06/2018 da marcoa

VMware Cloud on AWS offre più… di tutto!

Sai Gopalan, Product Marketing Manager Con l’ultimo aggiornamento, il servizio VMware Cloud on AWS GDPR-ready offre più … di quasi tutto. Più sedi, più funzionalità, più opzioni di consumo e più certificazioni fanno ora parte del nostro servizio cloud ibrido. VMware Cloud on AWS continua a crescere con il quarto aggiornamento. E i successi continuano […]

Pubblicato il 22/01/2020 da vmwareitaly

Perché il cloud è cruciale per un sistema sanitario “a prova di futuro”

Il sistema sanitario è uno dei più problematici in cui attuare la trasformazione: dispone di una quantità immensa di sistemi legacy con un numero vastissimo di dati personalizzati altamente sensibili e, per questo, è condizionato da una complessità di fondo. Il tutto in un ambiente in cui le pressioni per essere veloci e reattivi giocano […]

Pubblicato il 19/09/2018 da vmwareitaly

Demistificare il cloud ibrido e la digital transformation

A cura di Sunny Sahajpal, EMEA Strategic Alliances Manager, VMware   Per un’azienda interessata a intraprendere un percorso di trasformazione digitale, è importante dare priorità agli specifici risultati di business. Le soluzioni tecniche dovrebbero essere secondarie, poiché servono a sostenere gli obiettivi, non a influenzarli, e concentrarsi troppo sull’infrastruttura può ostacolare le possibilità di successo […]

Commenti

Ancora nessun commento

Aggiungi un commento

Your email address will not be published.

This site uses cookies to improve the user experience. By using this site you agree to the privacy policy