Le basi dell’infrastruttura creano un ambiente di ricerca e insegnamento più dinamico per una delle migliori Università italiane

Pubblicato il 12/04/2019 by vmwareitaly
NOTA BENE: questo articolo è più vecchio di un anno e potrebbe non essere aggiornato con gli eventi recenti o le nuove informazioni disponibili.

Spesso il settore universitario viene considerato erroneamente come un ambiente statico: materie classiche insegnate in edifici antichi da professori di mezza età a giovani allievi costretti ad assistere a lezioni interminabili.

La realtà non potrebbe essere più diversa. “Abbiamo stakeholder molto più esigenti rispetto agli altri settori”, afferma Marius Spinu, CIO dell’Università di Firenze. “Ogni cinque anni, il corpo studentesco si rinnova completamente. Gli studenti hanno aspettative estremamente elevate e noi dobbiamo adeguare i nostri servizi alla loro vision”.

In tutta Europa il settore universitario sta diventando sempre più competitivo: gli atenei si trovano a concorrere per ottenere fondi, stabilire relazioni con le migliori aziende e proporsi come ambienti accademici moderni, spesso disponendo di fondi pubblici sempre più scarsi. Inoltre, per la prima volta, molte Università devono dimostrare un ritorno dell’investimento, quantificando quanto valore gli studenti ricevono a fronte delle rette corrisposte.

L’Università di Firenze è uno dei migliori atenei d’Italia. Vanta un’eccellente reputazione nel campo della ricerca, sulla quale intende investire per migliorare la collaborazione con i partner esterni (come organizzazioni del settore pubblico e privato) e per creare nuove joint venture. Inoltre, mira a promuovere un ambiente che attragga sempre più studenti internazionali.

L’obiettivo dell’Università di Firenze era creare un’infrastruttura IT flessibile, con la collaborazione di VMware, che consentisse di offrire nuovi servizi digitali, con una  piattaforma IT più efficiente e semplice da gestire.

Il progetto si è articolato in due parti: la creazione di un Software-Defined Data Center e la realizzazione di un Workspace virtuale con thin client gestiti dal data center.

Per ottenere questi obiettivi l’Università ha scelto le soluzioni di VMware, in particolare VMware vSAN, vSphere, vCenter, NSX, Horizon e i VMware Professional Services. VMware NSX Data Center offre funzionalità di rete e sicurezza interamente basate sul software, astratte dall’infrastruttura fisica sottostante, assicurando una connettività end-to-end pervasiva per le app e i dati dell’università, ovunque risiedano.

VMware Horizon consente agli utenti finali di accedere a desktop virtuali, applicazioni e servizi online da un singolo Digital Workspace. Digital Workspace sicuri possono essere distribuiti on demand tramite un’unica infrastruttura VDI e piattaforma di virtualizzazione delle app, semplificando la gestione.

“Con questo progetto intendiamo realizzare una base solida che permette di creare l’ambiente aziendale desiderato, semplificare la gestione, promuovere la flessibilità e presentare all’esterno un’immagine moderna dell’ateneo,” ha commentato Marius Spinu. “Tutto ciò aiuterà l’Università a soddisfare le proprie ambizioni nell’ambito dei progetti di ricerca, favorendo la nascita di collaborazioni nel settore.”

“Il personale tecnico deve avere la possibilità di concentrarsi sulla creazione di nuovi modi di lavorare, innovare e automatizzare. Non dovremmo perdere tempo con le operations e sulle attività di routine”, afferma Marius Spinu. “Poiché le Università non sono meno dinamiche di altri settori”.

Guarda questo video di Marius Spinu per saperne di più.


Categoria: Casi di successo, News & Highlights

Tag: , , , ,

Articoli correlati

Pubblicato il 28/09/2017 da blogsadmin

InfoCamere: infrastrutture iperconvergenti per un servizio VDI più performante

InfoCamere potenzia il servizio di Virtual Desktop scegliendo tramite una gara un’architettura iperconvergente targata VMware e Fujitsu. Dopo due giorni di implementazione bastano due settimane per completare la migrazione di 600 utenti dall’ambiente precedente. Le persone si ritrovano quasi senza accorgersene in un ambiente molto più performante che offre prestazioni assolutamente paragonabili a quelle di un […]

Pubblicato il 09/10/2018 da vmwareitaly

NetAddiction: il cloud per seguire flussi di milioni di utenti

NetAddiction è una delle realtà indipendenti più vivaci e dinamiche del Web, che gestisce una piattaforma innovativa per l’erogazione di contenuti Web, multimediali e di e-commerce a oltre 22 milioni di utenti. Questa Web company tutta italiana, nativa digitale, cercava una particolare elasticità nella gestione delle risorse elaborative e di storage destinate ai propri canali, […]

Pubblicato il 16/07/2019 da vmwareitaly

Guarda VMware Cloud Briefing 2019 on demand e scopri i contenuti esclusivi

Ti sei perso il VMware Cloud Briefing 2019? Per un periodo limitato, offriamo l’accesso on demand alla nostra esclusiva esperienza cloud digitale, per ottenere preziose e approfondite informazioni sul futuro del cloud direttamente da Pat Gelsinger (CEO di VMware), Joe Beda e Craig McLuckie (cofondatori di Kubernetes) e altri grandi pionieri del cloud. VMware Cloud […]

Commenti

Ancora nessun commento

Aggiungi un commento

Your email address will not be published.

This site uses cookies to improve the user experience. By using this site you agree to the privacy policy